LA FESTA DELLE CANDELE

Purificazione Fertilità Benedizione

Venerdì 2 Febbraio ore 20,30

Lok Yiu Wing Chun Via Beltramini,15 

Parona Verona



PROGRAMMA:

Una serata per celebrare la luce che, nata al solstizio d'inverno, comincia a manifestarsi all'inizio di Febbraio.

Questo è il periodo della luce crescente: siamo al culmine dell'inverno ma nel punto mediano tra il solstizio d'inverno e l'equinozio di primavera e, mentre le giornate si stanno visibilmente allungando, ci possiamo preparare all'arrivo della primavera.

 

PURIFICAZIONE, FERTILITA' e BENEDIZIONE sono i temi principali che vogliamo portare in questa magica serata.

 

Il programma prevede la celebrazione di questo momento pieno di energia e simbolismo attraverso gli antichi rituali celtici della ruota dell'anno di purificazione e abbondanza.

Gli antichi Celti infatti, consapevoli dei sottili mutamenti di stagione come tutte le genti del passato, accoglievano e celebravano in maniera adeguata questo cambio di stagione.

Questo momento dell'anno corrispondeva alla "Festa di Imbolc" il cui significato profondo si collegava all'idea di purificazione dalle impurità invernali, come presupposto al risveglio della Natura e alla nuova fertilità: ci si prepara alla fioritura della primavera, facendo in modo che sia abbondante e benedetta

 

Useremo la Numerologia per vedere e collegarci al significato simbolico contenuto nel numero 2 (profondamente connesso a questo magico momento del calendario), nonchè a quello della sua vibrazione evoluta che corrisponde al numero 11 (la cui somma dà appunto 2): 11 è per altro è il numero universale connesso all'anno 2018, che illustra la vibrazione di questi 365 giorni sull'intero pianeta.

 

Accoglieremo questo passaggio con una meditazione sul tema e concluderemo con la benedizione delle candele, principale simbolo e pratica di questa festa invernale.

 

COS'E' IMBOLC?

Imbolc (o anche Oimelc, o Imbolic) è l'antica festa irlandese del culmine dell'inverno: è la festa invernale della Luce o festa di mezzo inverno, che cadeva tradizionalmente tra il primo e il due febbraio. 

 

La parola "Imbolc" in irlandese significa "in grembo" e, come tutte le feste celtiche, il suo significato è leggibile a più livelli.

Il significato più esoterico e materiale fa riferimento alla gravidanza delle pecore: è in questo periodo, infatti, che nascevano gli agnellini e di conseguenza le pecore producevano latte. Era un momento importantissimo poiché, per coloro che vivevano di pastorizia, il latte e i suoi derivati erano di sopravvivenza per l’intera comunità.

Ad un livello più profondo e simbolico la festività celebrava il ritorno della luce, che si rifletteva nell’allungamento della durata del giorno e nella speranza per l’arrivo della primavera, durante la quale sarebbero nati i frutti ora nel grembo della Madre Terra.

 

La tradizione prevedeva che la festa fosse celebrata anche accendendo lumini e candele. 

In epoca cristiana la festa di Imbolc venne equiparata alla Candelora, il cui nome deriva proprio dall’usanza di benedire e distribuire ai fedeli le candele, così come viene fatto in altri momenti cruciali della vita cattolica (battesimo e cresima). 

Popolarmente le candele benedette acquistano poteri terapeutici e protettivi.

 

DA PORTARE: Materiale per gli appunti, abbigliamento caldo e comodo, tappetino e coperta per la meditazione.

 

Quota di partecipazione 25€

 

RELATRICI:

Irene Rapisarda Love Coach

Trainer, Master Practitioner in Meta-PNL, Insegnante certificata HYL® - Metodo Louise Hay e Love Coach

 

Marika Degani la Coach dell'Anima

Trainer, Master Practitioner in Meta-PNL,

specializzata in Numerologia